Menu
 
 Home Page

 Cenni Storici

 Grotte di Catullo

 Mappa

 Luoghi Importanti

 Itinerari Turistici

 Appuntamenti

 Fotografie

 Meteo

 Informazioni

 I Preferiti

 

 



  Territorio e Ambiente pag. 1/2

 

 

 

La penisola di Sirmione, oltre ad essere una meta turistica di fama internazionale, è anche un territorio molto affascinante dal punto di vista naturalistico: le sponde del lago infatti, svolgono una funzione molto importante per la crescita di macrofite e macroalghe, per la deposizione di uova per pesci, per lo sviluppo di specie vegetali ed animali bentoniche tipiche di questo habitat (macro e microinvertebrati, alghe, rotiferi, etc.) chcigno.jpg (11199 bytes)e sono delle componenti importanti nella ciclicazione dei nutrienti in tale ecosistema. In particolare, la zona litorale è caratterizzata da una buona ossigenazione, notrevole radiazione luminosa ed un'ampia escursione termica. Per questi motivi, soprattutto in tale zona sono presenti produttori primari come macrofite, alghe incrostanti, fitoplacton sedimentato, generalmente assenti nella zona più profondae quindi si ha una maggiore varietà di fonti di cibo che a sua volta determina un'altra diversità specifica degli organismi macroinvertebratiagendo sul regime alimentare (fitofanghi, predatori, detritivori).
Nella penisola di Sirmione si riconoscevano tre micro-habitatprincipali :

- le spiagge formate da ghiaie e sabbie per gran parte dello sviluppo costiero della penisola;
- roccia calcareo-marmosa affiorante nella estremità più settentrionale;
- zone a canneto, in rappresentanza di un ambiente molto diffuso soprattutto nel basso lago.

Il canneto è costituito da forme vegetali dal tipo della canna comune, classico esempio di vegetazione fissata sul fondo con radici, che emrge parzialmente dall'acqua. Queste canne palustri fungono da piante pioniere preparando il suolo su cui potranno attecchire altre piante. La cosiddetta "cannuccia di palude" (Phragmites communis e Phalaris arundinacea), con il suo tipico ambiente riveste una notevole importanza nell'economia lacustre, essendo luogo di rifugio e di riproduzione per alcune specie ittiche tra le più pregiate, oltre che per la fauna nidificante.
La fascia costiera del Comune di Sirmione è occupata dalla cannuccia per circa 3,5 Km lineari, vale a dire quasi il 25% dell'intero perimetro peninsulare, con una profondità media attorno al metro. Annualmente le zone a Phragmites communis sono soggette a sensibile riduzione ad opera dell'intervento dell'uomo, poco preoccupato a conservare un ambiente tipico e di così grande importanza ecologica.

Il plactondiatomee.jpg (3475 bytes)
Il termine placton, introdotto nel 1887 dal fisiologo V.Hensen, indica gli organismi animali e vegetali che vivono in sospensione fluttuando nell'acqua, vale a dire "tutto ciò che va alla deriva", così come citando Omero, "Ulisse molto andò errando", sospinto da un punto all'altro del grande mare. Una caratteristica di molti animali plactonici è la trasparenza dovuta all'elevato contenuto di acqua nei tessuti. Il fitoplacton invecie formato da organismi vegetali autotrofi, quelli cioè che possono sintetizzare autonomamente le sostanze organiche che formano il protoplasmadelle loro cellule e i materiali di riserva, partendo da anidride carbonica, acqua e sali di azoto e fosforo (fotosintesi).

Il Benthoschironomidi.jpg (16903 bytes)
Con il termine Benthos si identificano i miicroinvertebrati la cui taglia, alla fine dello sviluppo larvale, è superiore al millimetro; appartengono a questo gruppo anche insetti, molluschi, crostacei. Si possono suddividere in relazione al loro habitat a seconda che vivano sulla superficie del substrato oppure all'interno dei sedimenti, soprattutto nei tratti a depositi ciottolosi. La distribuzione di queste comunità è influenzata da numerosi fattori e quindi no rimanecostante per tutto l'anno, in quanto la sua composizione può variare al variare di alcuni parametri fisiciche condizionano alcuni cicli vitali di alcuni microorganismi.

Pesci ed uccelli della penisola.
La popolazione degli uccelli è ben rappresentata lungo tutta la penisola. Si ricorda come le zone con fondale roccioso sono particolarmente indicate nei periodi di frega mentre le zone a canneto sono sempre popolate in ogni fase del ciclo vitale; soprattutto per periodo riproduttivo sono preferite da carpe, tinche, anguille, lucci, varoni, pesci gatti e scardole. Distribuiti in tutte le ecozone del lago si possono incontrare: l'anguilla, l'alborella, il cavedano. Il canneto e i fondali melmosi sono preferiti da: pesce persico, carpa pesce gatto, tinca, scardola e varone. Le zone a macrofite sono l'habitat del luccio e della trota. Non si possono dimenticare sardine e coregoni, amanti delle acque pulite e delle zone a media profondità, che tanto si fanno gustare nelle nostre tavole specialmente se "affogate" con del buon vino (naturalmente 'Lugana D.O.C.').
Per quanto riguarda l'avifauna si ha la presenza stabile di: folaghe, gallinelle, svassi, tuffetti, germani reali, cigni, martin pescatore, gabbiani comuni e reali. Ospiti di passaggio: cormorani, fistioni turchi, quattrocchi, moretta tabacca, moriglioni. Rari sono invecie i trampolieri.

 

Avanti

 

Copyright 1999 - Tutti i diritti riservati